Faro Senigallia (red)

Candelabro molo di levante red

ARLHS ITA226

IZ6ASI/p16/17.07.2005
02.02.2006
11/14.08.2008
IK6XOU/p11/14.08.2008

 iz6asi

Punta estrema porto di Senigallia

43°43′ N     13°13′ E

  Diga di ponente extreme (green)  L’attivazione della ITA-273, partì il giorno 10.07.2005 in concomitanza del contest  IARU e non fu una gran scelta. Le cose andarono molto meglio il giorno 15 luglio, quando il susseguirsi di stazioni collegate mi fece dimenticare lo sfortunato inizio. Dai primi collegamenti capii che la propagazione, pur non essendo della migliore, mi avrebbe fatto fare molti qso; infatti furono 321. L’antenna della eco veicolare diede il meglio di se, alternandola con una verticale “canna da pesca” da 5 mt. da sostegno ad un cavo unipolare di circa 5 mt.       Diga di levante extreme (red) Al contrario l’attivazione della ITA-226 del 16/17.07.2005 mi permise di collegare stazioni sin dal primo CQ LIGHTHOUSE; anche se il QRM risultava molto alto, i segnali da un 59 passavano al 53, senza dimenticare il rumore dei motori dei motoscafi che neanche il filtro NB riusciva a togliere. I QSO fatti furono 273. Sfortunatamente le chiamate eseguite sia in 10 mt. che in 15 mt. non diedero risposta. Pertanto ritornai in 20 mt. permettendomi la realizzazione dei maggiori qso.    

  Apparecchiature:

    rtx                    Kenwood ts50 con accordatore dedicato

    antenna            alternavo ECO veicolare con stili per coprire tutte le bande con base magnetica sul tetto, e antenna  “canna da pesca” per  i 20 mt.

    generatore        Gruppo elettrogeno da 500watt a 2T

    alimentatore        sw350  CEP da 25,8A

    consumato         circa   10lt. di benzina al 2% —–  e dal gran caldo bevuto……  tanta e poi tanta acqua fortunatamente, la fontana era vicino.

    Temperatura dai 29°C ai 31°C,  al pomeriggio il vento di Scirocco mi fece decidere di controventare l’antenna “canna da pesca”.

 *  *  *

Ringrazio tutti i pescatori del porto di Senigallia che mi sono stati di supporto morale ogni volta che, passando con le loro barche da pesca, porgevano saluti di buon auspicio.

Nei momenti di pausa venivano a chiedermi del perchè una canna da pesca, che serve a pescare, fosse sopra al tetto di un’auto, che controventata somigliava quasi ad una barca a vela.

Inoltre venivano a chiedermi quali Nazioni avessi collegato, per poi informare, con mio totale stupore, il porto attraverso un costante passaparola.

Spero che, a te che stai leggendo, sia venuto il desiderio di collegare o attivare i fari, caratterizzati da un fascino particolare di storie ed incontri; ritrovi di Persone semplici e disponibili, con le quali chiaccherare piacevolmente, come lo sono la “Gente di mare”.

Un grazie particolare a tutti coloro che hanno risposto alla mia chiamata; alle Stazioni, che purtroppo non sono riuscito a collegare,……sento di rassicurarli: “Non disperate!!! Sarò presto in aria con nuove referenze”.

Pertanto attento al………. ” CQ   LIGHTHOSE ”

 73, de  iz6asi Marco